Sigismondo Pandolfo Malatesta touch. Le pietre raccontano

 

Domenica 14 ottobre (orario da concordare) l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti sezione territoriale di Rimini promuove e organizza una visita al Museo della Città.

 

Il percorso tattile, della durata di circa un’ora e mezza, si sviluppa tra le sale dedicate ai Malatesta.

L’itinerario, rivolto in particolare alle persone con disabilità visiva, conduce alla scoperta della figura di Sigismondo Pandolfo Malatesta, signore di Rimini, grande condottiero e grande mecenate che chiamò a sé i più importanti artisti dell’epoca per erigere il Castello e il Tempio.

Sono le pietre a narrarci la sua storia e il suo gusto artistico. A iniziare dagli stemmi con i loro simboli ricchi di significati, di allusioni e di rimandi al passato leggendario della casata e al colorato mondo medievale.

Nelle sale del Museo il racconto è affidato agli stemmi con i motivi araldici cari alla signoria (le bande scaccate, l’elefante crestato, la rosa quadripetala) e alle iscrizioni in caratteri gotici che un tempo erano sui torrioni del Castello. Si potranno cogliere inoltre i tratti della città di Sigismondo “disegnata” da Agostino di Duccio nel bassorilievo del Tempio di cui il Museo custodisce il calco, insieme a quello con uno splendido ritratto del signore di Rimini all’interno di una corona di foglie. Sempre dal Tempio proviene uno degli eleganti porta stemma, anch’essi attribuiti ad Agostino di Duccio. Influssi dell’arte nordeuropea nel periodo della signoria malatestiana si colgono nella statua di Santa Caterina e in un crocifisso ligneo di forte drammaticità. Completano il quadro dello stile di vita di corte la cassapanca lignea intagliata, unico arredo di Sigismondo giunto a noi, e una ricca esposizione di ceramiche, nonché la collezione di medaglie coniate per Sigismondo e Isotta.


ELEMENTI OGGETTO DELLA VISITA AL MUSEO DELLA CITTA’:

  1. portastemma acefalo di Agostino di Duccio
  2. cassapanca lignea con stemma di Sigismondo
  3. iscrizione con scritta in gotico “Sigismondo Pandolfo” e in mezzo il tipico schema a quadri oro rossi e bianchi in origine
  4. calco bassorilievo di Agostino di Duccio con cancro e rappresentazione della città medievale, dal tempio malatestiano
  5. calco ritratto di Sigismondo dal Tempio Malatestiano
  6. elemento architettonico con simbolo di Roberto Malatesta e rosa malatestiana
  7. crocifisso ligneo del xv secolo
  8. statua di Santa Caterina del XV secolo

Per informazioni: UICI Rimini Via Covignano, 238 Tel. 0541 29069